Siria: 30 giornalisti detenuti, 52 uccisi

PH © Andreja restek / APR NEWS

Il sequestro dei giornalisti è senza precedenti,  in gran parte non dichiarati dagli organi di informazione, nella speranza che mantenere segreti  i rapimenti possa aiutare a negoziare il loro rilascio. Almeno 30 giornalisti sono detenuti e 52 sono stati uccisi da quando la guerra civile in Siria è iniziata nei primi mesi del 2011. Altri 24 giornalisti sono scomparsi dall’inizio di quest’anno e sono stati liberati.  Questo è il prezzo che si paga per portare nelle case delle persone di tutto il mondo una informazione imparziale e vera.  Gruppi come il Committee to Protect Journalists sono molto preoccupati per i rapimenti. “Ogni volta che un giornalista entra in Siria, è come tirare i dadi sul fatto che stia per essere rapito o no”, ha detto Jason Stern , ricercatore presso CPJ . I gruppi jihadisti sono ritenuti responsabili per la maggior parte dei sequestri di persona, ma anche le milizie sostenute dal governo, bande criminali e ribelli affiliati all’esercito libero siriano sono stati coinvolti in più casi. I sequestri hanno spostato l’attenzione dalla guerra in senso più ampio: quello che in un primo momento sembrava a molti come una ribellione idealista contro un sovrano dispotico, ora è sempre più visto come un affare caotico in cui gli estremisti anti-occidentali e bande criminali hanno guadagnato una pericolosa influenza.

APR news

F. cpj, W. p.



Categorie:Cronaca, Esteri, Politica

Tag:, , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: