Quirico, Foreign Policy: pagati 4 milioni per riscatto

 

1459979_10202761280661422_190409439_n copia

 

Per la liberazione del giornalista della Stampa Domenico Quirico e il professore belga Pierre Piccinin, rapiti in Siria e liberati a settembre dopo cinque mesi di prigionia, è stato pagato un riscatto di 4 milioni di dollari. Ad affermarlo è il sito internet di ‘Foreign Policy’, rivista statunitense che si occupa di relazioni internazionali. A raccontarlo è stato Motaz Shaklab, membro dell’opposizione del Consiglio Nazionale Siriano, che si è occupato dei negoziati con i rapitori.                                               “Ho visto i soldi con i miei occhi”, ha detto Shaklab, “ed ero presente quando sono stati consegnati ai rapitori”. I negoziati per la liberazione di Quirico, ha raccontato a ‘Foreign policy’, sarebbero durati tre mesi, durante i quali lo stesso Shaklab sarebbe riuscito a ridurre il riscatto a 4 milioni di dollari, sei in meno rispetto ai 10 richiesti in un primo tempo dai rapitori per Quirico e Piccicnin. Il negoziatore ha spiegato di essere stato quotidianamente in contatto con l’Italia e, in particolare, con una delle figlie del giornalista torinese, con il suo avvocato e con il ministero degli Esteri. Fin dall’inizio l’intenzione dei rapitori sarebbe stata quella di consegnare gli ostaggi vivi. Nel corso della trattativa Shaklab avrebbe visto Quirico e Piccinin, senza avere, però, il permesso di parlare con loro. Dopo quegli incontri avrebbe anche riferito alle autorità italiane che la salute del giornalista era precaria. Dopo l’ok alla trattativa, il negoziatore sarebbe volato a Beirut, dove ad accoglierlo ci sarebbe stato un italiano. I due avrebbero quindi lasciato la capitale del Libano diretti verso una città turca a maggioranza sunnita al confine con la Siria. Nascosti, nella loro auto, due sacchi neri, contenenti 4 milioni di dollari, tutti in banconote da 100 dollari. Al momento della consegna del denaro, però, qualcosa sarebbe andato storto. “Noi avevamo i soldi – ha detto Shaklab – ma i rapitori non avevano gli ostaggi”. I giorni seguenti, ha detto, sono stati i peggiori. Fino all’8 settembre, quando Quirico e Piccinin sono stati liberati. L’ambasciata italiana a Beirut, riferisce ‘Foreign Policy’ non ha confermato il pagamento del riscatto. Nessun commento anche dalla Farnesina.

 

http://www.foreignpolicy.com/articles/2014/01/15/the_italian_job_kidnapped_syria

 

Apr news

 

F QN, Foreign Policy

 

 

 

Annunci


Categorie:Inchieste Varie, Politica

Tag:, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: