Inizia “Il processo del secolo” a Guantanamo

Inizia Il “processo del secolo” davanti al tribunale militare americano della prigione di Guantanamo Bay sull’isola di Cuba, ai cinque presunti organizzatori degli attentati dell’11 settembre 2011.

Khalid Shaikh Mohammed, e ai suoi quattro complici, Aziz Ali, Walid Muhammad Salih Mubarak Bin Attash, Ramzi Binalshibh e Mustafa Ahmed Adam al-Hawsawi. In caso di condanna, rischiano tutti la pena di morte.

Sono accusati di aver finanziato e addestrato i 19 terroristi responsabili degli attacchi alle Torri Gemelle e al Pentagono e del dirottamento dell’aereo della United schiantatosi in Pennsylvania causando in totale la morte di 2.976 persone.

I capi d’accusa includono terrorismo, dirottamento di aereo, associazione a delinquere, omicidio in violazione delle leggi di guerra e strage.

La sfida principale per l’accusa sara’ di dimostrare che il processo militare voluto dall’Amministrazione Obama e’ rispettoso degli standard internazionali, anche grazie alle nuove regole approvate dal Congresso che vietano l’uso di prove estorte sotto tortura.

Il processo viene dopo oltre un decennio dagli attacchi dell’11 settembre e cade nella settimana del primo anniversario dal raid dei Navy SEAL che ha portato alla cattura e conseguente uccisione di Osama bin Laden, il 2 maggio 2011.

APR news To

IN ALLEGATO  documento originale delle accuse  e delle vittime  del 11 settembre 2001

AttoAccusa

 



Categorie:Esteri, Inchieste Varie, Politica

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: