Svizzera: Dopo il muro di Berlino arriva quello di Berna

Svizzera

Il governo elvetico chiude i rubinetti dell’immigrazione proveniente dall’Unione Europea. Avvalendosi della clausola di salvaguardia  sulla libera circolazione prevista dagli accordi bilaterali Svizzera-UE, Berna ha infatti deciso di limitare, con l’introduzione di quote, l’accesso al proprio mercato del lavoro dei cittadini comunitari. Nello specifico, a partire dal 1 giugno verranno concessi, nei prossimi 12 mesi, non più di 53.700 permessi di dimora B, ossia di lunga durata, riservati ai cittadini dell’UE-17 (di cui fa parte anche l’Italia) e un massimo di 2.180 per coloro che arrivano dall’UE-8 (l’Europa dell’Est). Una decisione maturata in seguito al consistente aumento del numero di immigrati nei cantoni svizzeri, che negli ultimi anni ha superato di circa 60.000-80.000 unità quello degli autoctoni che decidono di emigrare. Situazione al momento insostenibile – stando al Consiglio Federale – sia per l’economia che per la società elvetica.

APR news

F west



Categorie:Esteri, Politica

Tag:, , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: