Iraq: case cristiane marchiate, donne vendute come schiave

 

20140809-101852-37132644

Centinaia di donne di minoranza yazidi sono prigioniere in Iraq dai jihadisti dell’Isis: la paura più grande è che possano essere vendute come schiave o, secondo quanto denunciato dal portavoce del Ministero per i Diritti umani, Kamil Amin, utilizzate come oggetti sessuali “in modi umilianti da quei terroristi per soddisfare i loro istinti animali in un modo che contraddice tutti i valori islamici e umani”.
Secondo un altro portavoce del governo iracheno, le donne, tutte sotto i 35 anni, sono tenute prigioniere in alcune scuole a Mosul. Un funzionario Usa ha comunque confermato che l’Isis ha rapito donne della minoranza Yazidi per poterle vendere o costringerle a sposarsi con i jihadisti, ma non è stato in grado di fornire il numero preciso.

Intanto le case di Mosul, da cui stanno fuggendo i cristiani iracheni, sono state marchiate con la vernice nera. Un marchio imposto dalle milizie dell’autoproclamatosi califfo al-Baghdadi agli infedeli per i quali non c’è posto nello Stato islamico dell’Iraq e del Levante a meno che si convertano, paghino una speciale tassazione, subiscano la devastazione dei loro antichi luoghi di culto e la confisca dei beni. È stata una giornalista irachena di fede musulmana, Dalia al-Aqidi, a denunciare per prima l’abominio di Mosul dando vita a una campagna di solidarietà, “Siamo tutti Nun”.

Apr news
F24 news
Phweb

Annunci


Categorie:Cronaca, Esteri, Politica

Tag:, , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: