ISIS: caccia a un cooperante svizzero

Schermata 2014-10-01 alle 12.20.54

Venerdì scorso, Oscar Bergamin, un operatore umanitario svizzero che lavora con i rifugiati nel nord della Siria, ha scritto un tweet che ha incluso 18 cifre.

Erano le coordinate di un bunker vicino al confine Turchia-Siria, preso dai membri dell’ISIS.

Il tweet ha catturato l’attenzione di affiliati ISIS su Twitter, e come risposta ha ricevuto una raffica di messaggi minacciosi avvertendo che stavano arrivando e che sarebbe stato decapitato.

Bergamin, che è presidente di una organizzazione svizzera di aiuto umanitario chiamata Ash-Sham CARE, dice che il bunker che ha nominato non era “affatto un segreto”, e può essere visto da lontano.

Dice che intenzionalmente ha condiviso la posizione del bunker in modo che l’esercito statunitense possa individuarlo e distruggerlo.

Dopo i suoi tweet, Bergamin ha ricevuto minacce di morte e l’ISIS sostiene che Bergamin sia un agente della CIA che pertanto debba essere ucciso.

Apr news

f. site, phtwitter

Annunci


Categorie:Cronaca, Esteri, Politica

Tag:, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: