Microcefalia: provocata dal virus Zika o da pesticidi?

Aedes_aegypti_biting_human

Il virus Zika continua a confondere il mondo. Le donne incinte di tutto il mondo sono state invitate a fare attenzione, poiché sembra che l’infezione con questo virus sia collegata con diversi casi di microcefalia nei neonati, una condizione congenita in cui i bambini nascono con le teste più piccole della norma.

Recentemente però un gruppo di medici argentini (Physicians in Crop-Sprayed Towns (PCST)) ha contestato questa teoria. Si sospetta infatti che il virus Zika non sia colpevole dell’aumento dei casi di microcefalia, ma che il vero motivo potrebbe essere un pesticida tossico introdotto nella rete di fornitura idrica in Brasile nel 2014.

Questo pesticida chimico produce malformazioni in zanzare, bloccando lo sviluppo delle larve nei contenitori di acqua potabile.

La sostanza chimica è conosciuta anche come Pyriproxyfen, è stata utilizzata in un programma del governo, ed è prodotta da Sumitomo Chemical, società associata con Monsanto.

“Le malformazioni rilevate in migliaia dei bambini da donne in gravidanza che vivono in aree dove lo Stato brasiliano ha aggiunto Pyriproxyfen nell’acqua potabile non possono essere un caso”, ha scritto il PCST nel loro rapporto.

Per esempio, il Ministero della Salute brasiliano aveva iniettato Pyriproxyfen nei serbatoi nello stato di Pernambuco. Nella zona, la proliferazione della zanzara Aedes aegypti, che porta il virus Zika, è molto alta, ha detto PCST, ma è anche il primo stato in Brasile con il 35 per cento del totale dei casi microcefalia nel paese.

Il gruppo di medici argentini fa notare che durante le epidemie passate di Zika, non ci sono stati casi di microcefalia connessi con il virus. Infatti, circa il 75 per cento della popolazione nei paesi in cui Zika è comparsa era stato infettato dal virus trasmessa dalle zanzare.

In paesi come la Colombia dove ci sono molti casi di infezione, ma casi di microcefalia legati al virus non sembrano essere stati registrati.

Quando il presidente colombiano ha annunciato che molti dei cittadini del paese sono stati infettati con Zika, ma che non c’era un solo caso di microcefalia, si sono ben presto accese le discussioni. Le 3.177 donne in gravidanza nel Paese infettate con il virus, si legge nel rapporto del PCST, stanno portando in grembo feti sani o hanno dato alla luce bambini sani.

Sul suo sito web, Sumitomo Chemical dice che il Pyriproxyfen pone un minimo rischio per uccelli, pesci e mammiferi.

Il Washington Post ha riferito che dopo che gli esperti hanno esaminato 732 presunti casi legati al virus su 4.180, più della metà non sono risultati collegati a Zika: solo in 270 è stato confermato il legame.

Tuttavia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è stata attenta a non collegare

esplicitamente Zika alla microcefalia. “Anche se un nesso causale tra l’infezione Zika in gravidanza e microcefalia – e mi preme sottolineare – non è stato stabilito, le prove indiziarie sono suggestive ed estremamente preoccupanti”, ha detto il direttore generale dell’OMS Margaret Chan.

Nel frattempo, gli scienziati stanno attualmente cercando di sviluppare un vaccino per l’infezione trasmessa dalle zanzare.

allegati rapporti

20141209eInforme-Zika-de-Reduas_TRADpyriproxyfen

Apr news

ftechtime, oms, PCST, ag

Annunci


Categorie:Esteri, Politica

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: