L’Iraq è alla ricerca di materiale radioattivo rubato

Radioactive.svg

L’Iraq è alla ricerca di materiale radioattivo “altamente pericoloso” rubato l’anno scorso, secondo un documento del ministero dell’ambiente e della sicurezza, e i funzionari iracheni temono che potrebbe essere utilizzato come arma, se acquisita da Daesh.

Il materiale, che era conservato in una custodia protettiva delle dimensioni di un computer portatile, è scomparso a novembre da un impianto di stoccaggio nei pressi della città meridionale di Bassora e apparteneva ai servizi petroliferi della società Weatherford WFT.N degli Stati Uniti.

Weatherford ha dichiarato che non sono responsabili per il furto. “Noi non gestiamo o controlliamo il bunker in cui il materiale è immagazzinato”.

Il materiale, utilizzato per testare i difetti nei materiali utilizzati per oleodotti e gasdotti in un processo industriale con radiografie a raggi gamma, è di proprietà di SGS, che ha base a Istanbul, secondo alcuni documenti trovati da Reuters.

La filiale SGS in Iraq ha rifiutato di commentare l’accaduto e non ha risposto alle telefonate ed e-mail della Reuters.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto che era a conoscenza di questi rapporti, ma non hanno notato se alcuni gruppi militanti o Daesh abbiano acquisito la merce rubata.

Un funzionario americano ha detto che l’Iraq ha segnalato la mancanza di Iridium-192 radioattivo presso l’Agenzia internazionale dell’energia atomica (AIEA), nel mese di novembre. Il documento del Ministero dell’Ambiente del 30 novembre è indirizzato al centro del ministero per la prevenzione delle radiazioni e descrive “il furto di una sorgente radioattiva altamente pericolosa di Ir-192 con attività altamente radioattiva appartenente ad SGS da un deposito appartenente a Weatherford a Rafidhia, area della provincia di Bassora”.

Il materiale è classificato come una sorgente radioattiva di categoria 2 dall’AIEA, il che significa che se non gestito correttamente potrebbe causare danni permanenti alle persone che si trovano in prossimità di esso per pochi minuti o ore, e potrebbe essere fatale a qualcuno esposto per un periodo di più ore.

Il materiale pone un rischio ambientale e può causare danni fisici, così come una minaccia alla sicurezza nazionale. “Abbiamo paura che l’elemento radioattivo cadrà nelle mani di Daesh”, ha detto un funzionario della sicurezza di alto livello. “Potrebbero semplicemente collegarlo agli esplosivi per costruire una bomba sporca”.

Non vi era alcuna indicazione che il materiale fosse venuto in possesso dello Stato islamico, che prese il territorio in Iraq e in Siria nel 2014, ma non controlla le zone vicino a Bassora.

Il funzionario della sicurezza, con sede a Baghdad, ha detto alla Reuters che non c’erano sospetti immediati per il furto e che probabilmente gli autori del furto erano a conoscenza del materiale e del posto dove si trovava. “Non ci sono serrature rotte e nessuna evidenza di effrazione,” ha detto.

La polizia e le forze di intelligence stanno lavorando “giorno e notte” per individuare il materiale.

Il materiale potrebbe provocare anche un inquinamento radioattivo di “proporzioni catastrofiche”. Le squadre anti-radiazioni avevano iniziato ispezionare i siti petroliferi, i cantieri di demolizione e i valichi di frontiera per individuare il dispositivo dopo che una task force di emergenza ha lanciato l’allarme.

Apr news

f ag, reuters

Annunci


Categorie:Cronaca, Esteri, Politica

Tag:, , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: