Una dolce delizia ai cachi da Fukushima arriva sulle nostre tavole


ph web

Dopo il disastro nucleare di 11 anni fa a Fukushima, in Giappone, l’agricoltura locale è stata uno dei settori più colpiti. A causa dei timori di contaminazione, le esportazioni di cibo sono crollate.

I prodotti provenienti da Fukushima erano limitati in 55 paesi per timori di contaminazione, ma adesso 41 paesi hanno completamente revocato le restrizioni.

Gli Stati Uniti hanno evidenziato “le solide misure di controllo del Giappone” come motivo per cui hanno eliminato tutte le restrizioni all’importazione. Dopo 10 anni di campionamento, affermano che esiste un “rischio molto basso” per i consumatori americani. 

Per esempio, il Fukushima Agricultural Technology Centre, il centro di ispezione regionale, esamina la carne bovina e i funghi. L’altra struttura di test dedicata presso lo Yanagawa Agriculture Center controlla le scatole di Anpogaki (un dolce fatto di cachi essiccati), nessuno di loro può superare i 50 Becquerel, l’unità di misura della radioattività. Tutti quelli che superano quella misura vengono gettati via insieme al resto della scatola.

Apr news 



Categorie:Cronaca, Esteri, Inchieste Varie, Personaggi, Politica

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: