La guerra sta provocando la carestia globale

Etiopia, ph © Andreja Restek

Da quando è iniziata la guerra tra Russia e Ucraina nel febbraio 2022, le preoccupazioni per la carenza di grano èaumentata e i prezzi alimentari sono cresciuti in modo vertiginoso.Questa crisi continuerà per tutto il tempo della guerra e probabilmente molto tempo dopo. La presa di Mariupol da parte della Russia complica ulteriormente le esportazioni di grano dalla costa meridionale dell’Ucraina. La Russia è il terzo produttore di grano ma il più grande esportatore è l’Ucraina, l’ottavo produttore mondiale.
Il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale, ha affermato che “la mancata apertura dei porti avrà comeconseguenza la carestia globale, la destabilizzazione delle nazioni e la migrazione di massa per necessità”.
Il rapporto del Consiglio di sicurezza ha rilevato che il conflitto è stato le principale causa di fame e di crisi per 139 milioni di persone in 24 paesi e le Nazioni Unite si sono concentrate sull’insicurezza alimentare globale causata dal conflitto tra Russia e Ucraina.

Tuttavia, la più grande minaccia attuale sono le forniture di grano, il problema è che non solo persisterà, ma probabilmente peggiorerà accompagnato da un cambiamento climatico accelerato.
L’India, il secondo produttore di grano, ha annunciato il 16 maggio che ha interrotto tutte le esportazioni di questo cereale.
L’India, insieme agli altri paesi della regione, sta subendo una storica ondata di caldo. Temperature di 50 C° stanno minacciando la vita di molti e sono a rischio i mezzi di sussistenza per 1,4 miliardi di persone in tutto il paese. Nuova Delhi ha dichiarato che sta sospendendo tutte le esportazioni di grano perché è preoccupata di sfamare la propria gente, viste le rese inferiori dovute alla siccità e al caldo, nonché i problemi con le forniture di fertilizzanti causati dalla guerra tra Russia e Ucraina.
L’annuncio è stato criticato dai paesi europei, preoccupati che questa decisione farà aumentare i prezzi già alti.
Dopo l’annuncio, infatti, il prezzo del grano ha raggiunto il massimo storico di $ 453 per tonnellata. Anche altri paesi hanno adottato misure simili: l’Indonesia ha cessato le esportazioni di olio di palma, mentre la Serbia e il Kazakistan hanno introdotto le quote di grano.  Cem Ozdemir, ministro dell’Alimentazione e dell’Agricoltura tedesco, ha avvertito: “Se tutti iniziassero a imporre restrizioni alle esportazioni o a chiudere i mercati, ciò aggraverebbe la crisi”.
Tuttavia, c’è una differenza tra l’elenco dei paesi che producono più grano e quelli che ne esportano di più. La Cina è il più grande produttore di grano, ma non è tra i primi 15 maggiori esportatori.
Russia, Stati Uniti e Australia sono i primi tre esportatori e ogni paese si trova ad affrontare sfide serie.
Gli Stati Uniti, importante produttore, è colpito dalla siccità; il Kansas, il principale stato produttore di grano, è colpito da una grave carenza di acqua , mentre il Texas e l’Oklahoma si trovano ad affrontare condizioni ancora peggiori. A causa delle poche piogge in queste zone dallo scorso autunno, quando è stato piantato il grano invernale, gli agricoltori temono che non saranno in grado di adempiere ai bisogni indipendentemente da quanto saranno alti i prezzi.
Anche l’Australia è colpita da una grave siccità intervallata da devastanti inondazioni improvvise.
La Cina, il più grande produttore di grano, sta affrontando un raccolto notevolmente inferiore dopo piogge insolitamente abbondanti. I raccolti più bassi su tutta la linea dei grandi produttori di grano non possono essere rapidamente invertiti “aggiungendo più offerta” come nel caso della produzione di petrolio, ad esempio.
La sicurezza alimentare è una sfida alla sicurezza nazionale per ogni paese.
Il Medio Oriente dipende quasi interamente dalle importazioni di grano e i prezzi altissimi metteranno a dura prova le economie e le società di molti paesi già in difficoltà. La siccità in Medio Oriente e in gran parte dell’Africa sta paralizzando l’approvvigionamento idrico non solo per l’agricoltura in diminuzione, ma anche per l’acqua potabile. La situazione nelle regioni con popolazione numerosa non migliorerà; piuttosto, l’aumento della domanda andrà a scontrarsi con la diminuzione delle forniture di grano e acqua, portando a sofferenze su larga scala e possibili conflitti. Le conseguenze di una carenza globale di grano saranno sia immediate che di lunga durata e avranno inevitabilmente un impatto sulle popolazioni più vulnerabili.

Durante la sessione del Consiglio di sicurezza, gli USA hanno proposto un piano di azione per la sicurezza alimentare globale con le seguenti proposte:
-aumento delle donazioni finanziarie o alimentari alle principali organizzazioni umanitarie;
-mantenere aperti i mercati alimentari e agricoli;
-aumentare temporaneamente la produzione di fertilizzanti e massimizzarne l’efficienza 
-sostenere la trasformazione sostenibile e le infrastrutture per i piccoli agricoltori;
-aumentare gli investimenti in innovazioni agricole basate sulla scienza e resilienti al clima
-monitorare da vicino i mercati che interessano i sistemi alimentari.

Questo è stato finora approvato da 36 paesi.

Andreja Restek
Fsofa



Categorie:Cronaca, Esteri, Inchieste Varie, Politica, Terrorismo Gruppi

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: