Wikileaks, Manning “Sono colpevole ma non un traditore”

20130301-115516.jpg

Il governo Usa intende chiamare uno dei Navy Seals del raid di Abbottabad a testimoniare contro Bradley Manning, il soldato accusato di essere stato la talpa di Wikileaks. Il militare, indicato negli atti come ‘John Doe’, dovrebbe rivelare che nel compound di Osama bin Laden in Pakistan furono trovati materiali con dati resi pubblici dal sito di Julian Assange. Questa tesi offrirebbe sostegno all’accusa piu’ grave nei confronti del giovane soldato: quella di aver ”aiutato il nemico”.
Manning – rinchiuso nelle carceri militari statunitensi dal maggio del 2010 – rischia di dover trascorrere il resto dei suoi giorni in prigione con il processo che si apre a inizio giugno.
Manning ha ammesso di aver consegnato i documenti nel tentativo di mostrare quelli che secondo lui erano abusi dei militari in Iraq ed in Afghanistan.

APR news
Ph web
F e a news



Categorie:Cronaca

Tag:, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: