Laila ex bambina sposa che salva tossicodipendenti di Kabul

Schermata 2015-10-06 alle 21.09.55

Laila Haidari, ex sposa bambina che gestisce due centri di trattamento delle tossicodipendenze, offre speranza e guarigione ai tossicodipendenti di Kabul.

Dalla caduta dei talebani, la produzione di oppio è salita alle stelle. L’Afghanistan produce il 90% della produzione mondiale e l’11% della popolazione è tossicodipendente. La tossicodipendenza non è riconosciuta come una malattia, esiste solo uninfrastruttura che si limita al trattamento.

Laila Haidari, 36 anni, è una donna afghana che rischia tutto per salvare gli eroinomani. Suo fratello maggiore, Hakim, è stato un tossicodipendente per 25 anni. Laila è una ex sposa bambina, che a 12 anni ha dovuto sposare contro la propria volontà un uomo molto più vecchio. Ha avuto il suo primo figlio a 13 anni ed entro la fine della sua adolescenza Laila ha avuto tre figli.

A 21 anni, ha lasciato il marito. Estata una decisione coraggiosa per una donna afghana, che allora viveva come rifugiata in Iran. Lasciando il marito, è stata ripudiata dalla sua famiglia e suo marito ha preso i suoi figli. Senza diritti e nessun aiuto, è tornata in patria, l’Afghanistan.

La film-maker Elissa Sylvia Mirzaei, nata in Pennsylvania, ha vissuto in Afghanistan per otto anni.

Parla correntemente Dari ed è attratta da storie intime che rivelano la complessità, la bellezza e le tragedie dell’Afghanistan.

Dopo aver conosciuto Laila nel 2012, Elissa e suo marito, Gulistan Mirzaei, fondatori di Mirzaei Films, hanno deciso di girare il loro primo documentario, Laila al Ponte.

Sotto il ponte, racconta Elissa Sylvia Mirzaei, si incontrano uomini e donne dimenticati dalla società, indesiderati. Prima della loro caduta nella dipendenza, erano soldati, poeti, medici, professori, studenti, giornalisti e artisti. Molti di loro sono stati rifugiati in Iran.

Per finanziare il centro Laila ha aperto un ristorante a Kabul chiamato Taj Begum, che significa “corona della donna”. Lo staff è composto da ex tossicodipendenti.

Estato un modo per loro di trovare un sostentamento e per reintegrarsi nella società.

Gli incassi del Taj Begum sono l’unica fonte di finanziamento per il sostentamento dei suoi due centri di recupero.

Nonostante gli sforzi, Laila non è in grado di salvare tutti dal destino di dipendenza da eroina. Laila, con le sue risorse molto limitate, fa tutto il possibile per aiutarli a far che questo accada.

Come Laila, la documentarista Elissa Sylvia Mirzaei e suo marito si sono impegnati ad aiutare le persone alle prese con la dipendenza in Afghanistan, portando le loro esperienze nel mondo.

Hanno completato le riprese e hanno bisogno del vostro aiuto per completare la modifica del film. Aiutateci a portare Laila al Ponte, e un lato diverso dell’Afghanistan, in giro per il mondo.

http://cinecrowd.com/en/laila-bridge-2

http://cinecrowd.com/en/laila-bridge-2

Apr news

f thefix,

Annunci


Categorie:Esteri, Personaggi

Tag:, , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: