Siria, elezioni e la guerra tra i continenti

Checkmate

In Siria si sono aperte le urne per le elezioni legislative. Circa il 60% del territorio del Paese sotto il controllo del governo è chiamato ai seggi. Un voto contestato dall’opposizione e dai Paesi occidentali.

Inizialmente si sono presentati 11.341 candidati per i 250 seggi disponibili in Parlamento; alla fine ne sono rimasti “solo” 3.500.

La Russia ritiene che queste elezioni siano “conformi alla Costituzione siriana attuale”. Le Nazioni unite, intanto, stanno facendo da tempo pressioni per elezioni generali nel 2017. Gli Stati Uniti continuano ad armare i ribelli, ma la buona notizia è che i terroristi hanno perso gran parte del territorio conquistato in precedenza.

Questa, più che una guerra siriana è una guerra tra continenti, tra la Russia e gli Stati Uniti, dove l’Europa semplicemente obbedisce e i paesi più furbi tentano di avere qualche vantaggio immediato oppure a lungo temine. È molto chiaro che nessuno è interessato alle elezioni siriane, ma semplicemente le grandi potenze non permetteranno che l’altro vinca. La partita sulla scacchiera mondiale è importantissima perché chi vince prende il comando in Medio Oriente.

La storia si ripete, basterebbe ricordarsi la guerra in Afghanistan dalla fine degli anni 70 ad oggi per non ripetere gli stessi errori.

Apr news

pweb

Annunci


Categorie:Cronaca, Esteri, Personaggi, Politica

Tag:, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: