Il pericolo del nazionalismo velato dal patriottismo

Ukraina; Kiev; Maidan; revolution; ph © Andreja Restek APR

Negli ultimi anni si sono stabiliti molti nuovi confini ma è cresciuta anche una tendenza comune di anti-globalizzazione che si è diffusa attraverso l’Occidente, facendo nascere un’ondata infuocata di nazionalismi.

Nelle società profondamente divise e in molti Paesi queste tendenze rafforzano ancora di più le divisioni esistenti e innescano nuove tensioni.

Le forze accentranti come religione, etnia e nazionalismo possono essere distruttive per il tessuto sociale in posti come la Bosnia ed Erzegovina, Israele e Palestina, Cipro, Grecia, Turchia, Irlanda del Nord e molti altri paesi e regioni, ma soprattutto quelli che hanno vissuto lunghi periodi di guerra civile ed etnica o violenza religiosa.

L’attuale tendenza di un nazionalismo crescente e aggressivo, anche se sottilmente velato come il patriottismo, minaccia di aggravare le divisioni esistenti e crearne di nuove.

Le conseguenze di tale tendenza passano alle generazione successive, e si rischia di ripetere il ciclo di violenza e demonizzazione dell’altro.

Una volta che le divisioni superano la retorica e si incastonano nella politica può diventare estremamente difficile invertire il danno, e contribuiscono, alla lunga, a creare conflitti intrastatali.

La maggior parte delle divisioni sociali non sono “ufficiali”, ma sono in qualche modo più fastidiose e persistenti, specialmente da quando vengono interiorizzate dalle persone.

Manifestazioni elettorali di etno-nazionalismo si sono infiltrate in ogni tipo di politica governativa, dall’immigrazione agli aiuti esteri, dalle elezioni interne al commercio estero.

Puntare il dito e colpevolizzare l’altroè, sfortunatamente, un metodo collaudato per accendere il consenso e consolidare il potere politico, tuttavia questa strategia potrebbe essere molto dannosa a lungo termine.

Aprnews

fag

Andreja Restek

Annunci


Categorie:Cronaca, Esteri, Personaggi, Politica

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: