Coronavirus – 2019-nCoV

who

Mentre le autorità sanitarie mondiali e i loro leader lavorano per capire come contenere la diffusione del coronavirus, esso continua a diffondersi dall’epicentro di Wuhan, la città di 11 milioni di abitanti nella Cina centrale. Wuhan è un centro di trasporto e collegamenti ferroviari ad alta velocità con alcune delle città più popolate della Cina. Molti Paesi hanno già iniziato ad evacuare i loro cittadini da Wuhan e finora, secondo quanto riferito, ci sono casi confermati di Coronavirus in Australia, Malesia, Nepal, Vietnam, Singapore, Giappone, Corea del Sud, Taiwan, Hong Kong, Tailandia, Francia e Stati Uniti. Diverse decine di persone sono già morte, con altre migliaia contagiate. In un mondo globalizzato dove il trasporto è costante e le persone attraversano i confini, le malattie possono diffondersi rapidamente. Le autorità si stanno concentrando su un mercato alimentare a Wuhan che vendeva gatti vivi, cani, serpenti e roditori, tra gli altri animali, come possibile mezzo di trasmissione di questo virus in rapida diffusione.

La scorsa settimana l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha tenuto una riunione di emergenza a Ginevra, in Svizzera, ma non ha ancora dichiarato che il Coronavirus è un’emergenza sanitaria globale, sebbene ciò rimanga una possibilità a seconda di come il virus continua a diffondersi. L’OMS è stata creata nel 1948 per combattere le malattie e promuovere la salute, ma ha ancora un mandato limitato. I regolamenti sanitari internazionali del 2005 stabiliscono un quadro concordato per i governi per identificare e denunciare i focolai di malattie, ma in molti Paesi manca ancora la capacità di farlo, compresi i mezzi tecnici e il sostegno finanziario. Secondo Time, il numero di nuove malattie per decennio è aumentato di quattro volte negli ultimi sei decenni e il numero di epidemie ogni anno è più che triplicato dal 1980. Negli ultimi due decenni, una serie di emergenze sanitarie globali ha travolto gli stati, tra cui la grave sindrome respiratoria acuta (SARS), la sindrome respiratoria mediorientale (MERS), il virus Zika, il virus Ebola e vari ceppi della cosiddetta influenza aviaria. Questi virus hanno avuto origine in America Latina, Africa, Medio Oriente e Asia, dimostrando come questa sfida sia di natura globale.

Oltre all’ovvio impatto sulla salute, ci sono una serie di altre implicazioni per la sicurezza internazionale, i mercati finanziari globali, i viaggi e i trasporti in tutto il mondo. I problemi di salute globale e la diffusione delle malattie sono indissolubilmente legati ad alcune delle sfide più dinamiche che la comunità internazionale deve affrontare oggi e nel prossimo futuro. Mentre il clima continua a cambiare e le temperature diventano sempre più calde, i virus contagiosi possono aumentare il numero di animali e insetti, comprese le zanzare, portatori di malattie a cui sono esposti gli esseri umani. Nell’Africa orientale gli sciami di locuste del deserto hanno devastato i raccolti e l’agricoltura, aggravando i problemi di insicurezza alimentare. Vi sono inoltre preoccupazioni circa i terroristi e altri attori non statali che tentano di sfruttare il potere delle nuove tecnologie di sperimentare strumenti genetici e biologia sintetica nel tentativo di armare il vaiolo e altri virus mortali. In passato le Nazioni Unite hanno risposto alle epidemie sanitarie globali con un certo livello di efficacia, come la risposta delle Nazioni Unite del 2014 al virus Ebola, che comprendeva una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite volta a rafforzare la leadership tecnica e il supporto operativo ai governi e ad altri partner per affrontare il virus.

Pechino ha limitato i viaggi di decine di milioni di cittadini proprio nel mezzo del capodanno cinese, un periodo in cui le persone viaggiano attraverso il Paese per visitare i parenti. Il leader cinese Xi Jinping ha dichiarato che il suo Paese “combatterà l’epidemia attraverso la prevenzione e il controllo”. Il Partito Comunista Cinese non ha fornito aggiornamenti regolari sulla situazione. Una delle maggiori preoccupazioni per una pandemia in un Paese come la Cina – che limita il flusso di informazioni – è la sfida per le autorità sanitarie globali che tentano di rispondere allo scoppio con misure efficaci, anche se il governo è meno che trasparente. Inoltre, le voci e le teorie della cospirazione sono già proliferate online, mentre la disinformazione circonda le origini e le cure del virus circolano, causando maggiore confusione e panico in tutto il pubblico, complicando ulteriormente il lavoro delle autorità sanitarie pubbliche e di coloro che hanno il compito di fermare la diffusione del coronavirus.

Apr news

f. s.a.g



Categorie:Cronaca, Esteri, Politica

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: