Rapporto 2017 sul consumo di droghe

Schermata 2017-10-23 alle 11.33.38 copia

Oltre 29,5 milioni di persone nel mondo hanno problemi a causa dell’uso di farmaci o dell’uso di oppiacei dannosi, come si legge nel rapporto annuale dell’Unodoc sul consumo di droghe.

Si stima che nel 2014 i gruppi internazionali di criminalità organizzata abbiano generato tra un quinto e un terzo dei loro ricavi dalle vendite di droga.

La telefonia mobile offre nuove opportunità ai trafficanti, mentre il darknet consente agli utenti di acquistare in modo anonimo droga con una cripto-valuta come il bitcoin. Mentre il traffico di droga nel darknet rimane limitato, c’è stato invece un aumento globale delle transazioni di droga, pari a circa il 50 % annuo, tra il settembre 2013 e il gennaio 2016 .

Gli acquirenti tipici sono gli utilizzatori di droghe creative come cannabis, “ecstasy”, cocaina, allucinogeni e NPS (nuove sostanze psicoattive ).

Il mercato degli oppioidi in particolare sta diventando sempre più diversificato, con una combinazione di sostanze controllate a livello internazionale come l’eroina e farmaci da prescrizione, che sono deviati dal mercato legale o prodotti come medicinali contraffatti.

La produzione di oppio è in crescita e il mercato della cocaina è fiorente. Nel 2016, la produzione mondiale di oppio è aumentata di un terzo rispetto all’anno precedente e ciò è dovuto principalmente ai maggiori raccolti di papavero. La coltivazione della coca è aumentata del 30 % principalmente a seguito di una maggiore coltivazione in Colombia, dal 2013-2015. Dopo un periodo di calo, ci sono segni che l’uso della cocaina sta aumentando nei due mercati più grandi, in Nord America e in Europa.

Droga e terrorismo Anche se non tutti i gruppi terroristici dipendono dai profitti del traffico di droga, alcuni lo utilizzano. Senza i proventi della produzione e del traffico di droga, che costituiscono quasi la metà del reddito annuale dei talebani, la portata e l’impatto di questo gruppo non sarebbero probabilmente quelli che sono oggi. Fino all’85 % della coltivazione di oppio in Afghanistan si verifica in territorio sotto una qualche influenza dei talebani.

L’uso degli oppiacei rappresenta il 70 % dell’impatto sanitario negativo associato ai disturbi dell’uso di stupefacenti a livello mondiale. Per esempio, la relazione rileva che l’epatite C sta causando danni a 12 milioni di persone consumatori di droga in tutto il mondo e che 1,6 milioni ha l’HIV, mentre circa 1,3 milioni soffrono sia dell’epatite C che dell’HIV.

Apr news

World Drug Report 2017

Annunci


Categorie:Cronaca, Esteri

Tag:, , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: