La pace con i talebani

DVIeKP0WkAAeL62

Dopo 17 anni di guerra in Afghanistan, gli Stati Uniti sono impegnati in un accordo di pace con i talebani. L’inviato di pace degli Stati Uniti Zalmay Khalilzad ha condotto i negoziati diplomatici con la leadership dei talebani afgani a Doha, in Qatar. 

La situazione in Afghanistan è in stallo da anni e nessuna delle parti fino ad ora ha vinto. 

Secondo l’ultimo rapporto presentato dell’ispettore generale speciale per la ricostruzione afghana, il governo afgano controlla il 63,5% del territorio e i talebani hanno il controllo del territorio che ospita oltre il 14,5 % della popolazione, ma sono attivi almeno nel 70% dell’Afghanistan.

La popolazione afgana è esausta e traumatizzata e l’amministrazione Trump sta cercando di chiudere il conflitto, come promesso nella campagna elettorale, riducendo le truppe statunitensi all’estero, Nonostante anni di pressioni diplomatiche sul Pakistan, i talebani mantengono ancora un rifugio sicuro a Quetta e godono del sostegno del servizio di intelligence militare e d’élite del Pakistan, la famigerata Inter-Service Intelligence.

Gli Stati Uniti sperano che i talebani prenderanno le distanze da al-Qaeda e da altri gruppi terroristici perché proprio questo, nel 2001, ha dato inizio all’operazione Enduring Freedom con cui fu invaso l’Afghanistan. Gli Usa dichiarano che, attualmente, il rapporto tra i talebani e al-Qaeda è diminuito ma nel frattempo si è sviluppato il rapporto con i militanti di al-Qaeda nel subcontinente indiano (AQIS) che sono integrati in unità talebane e servono come istruttori e consulenti. 

Per i talebani interrompere ufficialmente e definitivamente i legami con al-Qaeda e i loro affiliati potrebbe essere fattibile, se avvenisse il ritiro dei soldati americani. 

I funzionari del governo afgano sono preoccupati che un drastico ridimensionamento delle truppe statunitensi porterebbe i talebani a riconquistare più territorio, ignorando i termini del cessate il fuoco.

C’è preoccupazione perché questo accordo di pace esclude anche la cosiddetta Provincia dello Stato Islamico di Khorasan (ISKP), che avrebbe più spazio di manovra senza una presenza militare statunitense. Inoltre, ci sarebbero anche grandi battute d’arresto sociali. I diritti delle donne e altri recenti progressi potrebbero essere ritirati con i talebani, che aderiscono a una versione rigida della governance islamica.

La riduzione della presenza degli Stati Uniti è un ruolo importante per il Cremlino.

Anche la Russia ha condotto le proprie aperture diplomatiche, organizzando una conferenza diplomatica a Mosca nel novembre 2018 che ha riunito alti membri del Consiglio per la pace del governo afgano, come così come i delegati talebani e rappresentanti di intermediari regionali del potere, tra cui Islamabad, Teheran e Pechino.

All’inizio di febbraio, la Russia ha invitato i rappresentanti talebani e i membri dell’opposizione politica del presidente afgano Ashraf Ghani ai colloqui a Mosca, facendo capire chiaramente che si ritiene il legittimo interlocutore nella negoziazione.

Apr news

fag,s, ph web

Annunci


Categorie:Esteri, Personaggi, Politica

Tag:, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: