Il ruolo delle donne nei conflitti armati

Andreja Restek / Apr news / photojournalit, Ethiopia

ph © Andreja Restek 

In situazioni di conflitto le donne sono spesso vittime di violenza ma svolgono anche un ruolo di fondamentale importanza per la sopravvivenza delle famiglie e delle società, argomento di cui si parla raramente.

Esiste un’ampia relazione tra risorse naturali, conflitti, pace e le sfide di sviluppo. Per questo è essenziale rafforzare la partecipazione politica ed economica delle donne nella prevenzione dei conflitti e nella costruzione della pace. 

Le donne di tutto il mondo svolgono una funzione importante nella gestione delle risorse naturali. Ad esempio, costituiscono il 43% della forza lavoro agricola nei paesi in via di sviluppo e in Africa circa l’80% del cibo è prodotto da loro. Due terzi degli allevatori di bestiame in tutto il mondo sono donne e il fatto meno conosciuto è che un terzo dei minatori di tutto il mondo che svolgono il proprio lavoro manualmente è rappresentano da donne.

Per esempio, in ambienti colpiti da conflitti, le donne spesso sono le uniche che raccolgono legna da ardere e procurano l’acqua per le famiglie, compito che sovente è un problema per la loro sicurezza perché la violenza sessuale viene utilizzata per terrorizzare le popolazioni civili.

Affrontano molte sfide e ostacoli per la sopravvivenza della famiglia ma non hanno una buona posizione per capitalizzare i benefici sociali, politici ed economici che portano le risorse naturali.

In generale, le donne sono altamente dipendenti dalle risorse naturali per il loro sostentamento e sono particolarmente colpite dai cambiamenti della loro disponibilità durante e dopo i conflitti. 

Ad esempio, spesso non hanno accesso legale alla terra. Solo l’11% delle donne sono proprietarie dei terreni nei paesi in conflitto e il 20% a livello globale dopo i conflitti.

La mancanza dei diritti sulla terra può portare le donne in situazioni sempre più vulnerabili e esporle a livelli più elevati di rischio per il sostentamento. E questo ha conseguenze di vasta portata perché nel momento della costruzione della pace, il 40% delle famiglie è guidato da donne, e questo ha un significativo impatto sulle famiglie e sulla comunità.

Ma il conflitto può anche creare opportunità per le donne poiché i ruoli tradizionali e la divisione del lavoro tra uomini e donne cambiano spesso durante e dopo il conflitto. Le donne assumono spesso nuovi ruoli per compensare la perdita di reddito che solitamente era fornita dagli uomini. 

Intraprendono lavori in settori che tradizionalmente erano maschili, come quelli artigianali. 

Dopo i conflitti meno del 2% degli aiuti allo sviluppo nei settori economici e produttivi come agricoltura e industria è rivolto alle donne. La programmazione per loro è in gran parte diretta verso i settori legati alla salute, istruzione e sanità. 

Di conseguenza, molti redditi che le donne avevano durante i conflitti vengono spesso persi quando si applicano i programmi di ristrutturazione economica, reinsediamento delle popolazioni sfollate e il ritorno degli ex combattenti perché si ignorano i cambiamenti che si sono stabiliti durante la loro assenza e le donne e i loro bisogni non sono più considerati.

Tutto ciò ha un impatto negativo sulle donne e le loro famiglie, ma anche sull’efficacia del processo di costruzione della pace nel suo complesso. 

Le ricerche hanno dimostrato che il coinvolgimento delle donne aumenta la probabilità di un accordo di pace di almeno il 20%  aiutando a prevenire e risolvere i conflitti guidati dalle risorse naturali a livello locale e nazionale.

Tuttavia, la loro partecipazione ai negoziati di pace rimane incredibilmente bassa. Tra il 1992 e il 2011, solo il 4% dei firmatari degli accordi di pace erano donne e durante le negoziazioni la loro presenza non superava il 10%. C’è stato un graduale aumento dei numeri, ma permangono molti ostacoli nel garantire che le donne abbiano l’opportunità di impegnarsi in modo costante e la possibilità di influenzare i risultati chiave.

Ad esempio, il Sudan ha coinvolto attivamente le donne pastorali nella mediazione locale e nei processi di governance delle risorse naturali ed è stato essenziale per prevenire conflitti tra i pascoli e l’accesso all’acqua.

Quindi, in conclusione, ci sono molti collegamenti tra le risorse naturali e la costruzione della pace. 

Una maggior inclusione delle donne può essere uno strumento importante per migliorare l’uguaglianza di genere e l’emancipazione delle donne ma anche per la costruzione della pace e la gestione delle risorse naturali dopo i conflitti.

Apr news

ph Andreja Restek, p.ag. AR

Annunci


Categorie:Cronaca, Esteri, Inchieste Varie, Personaggi, Politica, Terrorismo Gruppi

Tag:, , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: