Le donne e i bambini del Califfato

h

Rispetto a quanto si pensava precedentemente, erano affiliate all’ISIS molte più donne e bambini stranieri, lo ha rivelato una nuova ricerca pubblicata in questi giorni.

Contrariamente alla percezione comune che il combattente straniero terrorista sia maschio, il nuovo rapporto del King’s College di Londra suggerisce che fino a un quarto di tutti gli “affiliati globali” dell’ISIS siano donne e bambini e suggerisce che giocheranno un ruolo significativo nel mantenere l’ideologia dell’ISIS viva nel futuro.

Il rapporto del Centro Internazionale per lo studio della radicalizzazione ha documentato 41.490 stranieri provenienti da 80 paesi che si sono recati nel “califfato”, territorio dell’Iraq e della Siria, tra il 2014 e il 2017. Di questi, 4.761 erano donne e 4.640 i bambini. È risaputo inoltre che almeno 730 bambini stranieri sono nati nel territorio dell’ISIS, anche se probabilmente il numero effettivo è stato più alto.

Gli affiliati stranieri dell’ISIS – inclusi combattenti, sostenitori e coloro che sono stati costretti a collaborare con il gruppo – ritornati al proprio paese d’origine sono 7.366, tra cui almeno 256 donne e circa 1’180 bambini. Mentre un gran numero di altri membri dell’ISIS sono stati uccisi in combattimenti o attacchi aerei, diverse migliaia di donne e bambini sono anche detenuti nelle carceri in Iraq e in Siria.

Il rapporto descrive che le donne affiliate all’ISIS hanno avuto un ruolo più attivo di quello di “sposa jihadista” (forzata), nome spesso attribuito a loro dai media. “Molte donne affiliate all’IS sono state guidate da fattori motivanti simili agli uomini, che si tratti di impegno ideologico, discriminazioni nella propria società, o desiderio di un senso di appartenenza o di scopo”, ha detto la co-autrice Gina Vale.

“Le donne e i minori sono pronti a svolgere un ruolo significativo nell’organizzazione futura”, ha concluso il rapporto. “Possono aiutare a mantenere viva l’ideologia, passarla alla generazione successiva, continuare a reclutare nuovi membri, sostenere l’IS in altri modi, come raccogliere fondi o tramandare la violenza in nome del gruppo”.

La cosa più problematica per i governi che cercano di contrastare la minaccia del terrorismo è il ruolo svolto dai minori. La stragrande maggioranza dei bambini affiliati all’ISIS viaggiava con i genitori o era nata nel territorio dell’ISIS. Eppure allo stesso tempo sono stati presi di mira per l’indottrinamento e sono stati addestrati a compiere attacchi. E alcuni minori hanno svolto un ruolo attivo nel radicalizzare le loro famiglie per viaggiare.

La riabilitazione per i bambini deve concentrarsi sulla fornitura di sostegno psicosociale per affrontare il trauma delle loro esperienze, pur riconoscendo la potenziale minaccia alla sicurezza rappresentata dai minori che sostengono l’ISIS, sostiene il rapporto. In termini di iniziative di de-radicalizzazione, i bambini che rimangono all’interno delle famiglie affiliate a ISIS – come quelli che si trovano nei campi di donne e bambini o nei centri di detenzione in Iraq e in Siria – rappresentano una sfida particolare.

“Per i bambini cresciuti e rimasti in un’unità familiare che supporta l’IS o altri gruppi estremisti, la fiducia e i legami all’interno della famiglia creano ulteriori barriere alla de-radicalizzazione dei minori”, ha affermato Vale.

Riconoscere il ruolo delle donne e dei minori nell’ISIS sarà importante se i governi vorranno affrontare efficacemente l’eredità del gruppo dopo il collasso del cosiddetto Califfato.

Apr news

f.ICSR

Annunci


Categorie:Cronaca, Esteri, Personaggi, Politica, Terrorismo Gruppi

Tag:, , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: